Stefano de Majo, attore istrionico, perfetto gentiluomo “d’altri tempi”

stefano de majo modificata 2

Stefano de Majo, laureato in Giurisprudenza, autore e attore teatrale umbro, si è formato alla scuola di recitazione di Anna D’Abbraccio. Notevole è il suo background  acquisito progressivamente  nel mondo del palcoscenico:
E’ stato diretto da Gastone Moschin, nel triennio 2004/2006 prendendo parte a rappresentazioni in cartellone nella stagione del Teatro Stabile dell’Umbria, e nelle stagioni del Teatro dell’Orologio di Roma e del Teatro Tirso di Roma con “ Ma non è una cosa seria” di Pirandello e “ Piccola Città” di Thorton Wilder.

In teatro ha recitato tra gli altri con Edoardo Siravo e Vanessa Gravina (2009) in “Don Giovanni”, con Francesco Salvi e Fabio Bussotti (2010) inFrancesco, giullare di Dio” e una collaborazione con Ben Gazzara (2012) in “Ascolta! Il nemico non tace”, con Riccardo Leonelli “ Gli Innamorati” di Goldoni, “Sull’amore e nient’altro”, “Ecce Sketches”, “Gli amanti di Roma”.

E’ stato Romeo in “Giulietta e Romeo”(2001) di Shakespeare, Laerte in “Amleto” (2007) di Shakespeare, Lisandro in “Pene d’amor perdute” di Shakespeare, il conte Roberto ne “Gli Innamorati” di Goldoni, coprotagonista in “Nera Marmora”(2012 e 2015), Ulisse in “Odissea tossica” (2012), l’imperatore Adriano in “ Gli Amanti di Roma” ( in scena dal 2013 al 2014).

Ma è dal vivo  che ne apprezzi completamente ed  immediatamente le molteplici doti. Quando assisti ad una performance teatrale di Stefano de Majo ne rimani coinvolto, entusiasta per la  bravura recitativa , per la sua  mimica, la fisicità scenica, per il costante dinamismo, la rapidità dei movimenti  che pervadono l’intera  esibizione.

A stento lo si  riesci ad immortale in una foto o in qualche sequenza di  una videocamera !!

 La sua sveltezza è fisica, ma è soprattutto intellettiva; il suo modo di recitare è limpido, immediato, efficace ed è capace di coinvolgere il pubblico che interagisce, senza esitazioni,  con l’interprete rendendo ogni spettacolo “una storia a se”. Il suo impegno profuso nel lavoro è grande.

Ma a monte del profilo professionale descritto, penso con convinzione, ci sia un’ innata bontà d’animo, una libertà intellettuale che sfociano spesso nell’altruismo, in un atteggiamento propositivo e di appoggio specialmente verso le nuove generazioni. Il Maestro tedesco Joseph Beuys l’avrebbe annoverato nella categoria degli “ARTISTI” soprattutto perché UOMO LIBERO, oltre che per il suo talento.

Con tali presupposti  credo fermamente che anche in Campania, teatralmente parlando,  organizzeremo  grandi eventi con Stefano, con ACCIAIO TEATRO e tutto il suo staff.

Per concludere ringrazio di cuore, insieme  a Salpietro Maria Grazia (presidentessa dell’associazione culturale Joseph Beuys ed oltre), Stefano de Majo per la sua disponibilità nei ns. confronti e per la gioia che  ha donato agli spettatori di Vietri sul mare con lo spettacolo del 24 luglio scorso.  Un saluto va rivolto anche alla sua splendida compagna di vita Giulia. A presto, con stima  Francesco Grillo.

Clicca il links di seguito, segui su facebook  ed approfondisci l’argomento:

https://www.facebook.com/Stefano-de-Majo-a-Raitolibri-730156273799848/?ref=bookmarks

 

, , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *