21 marzo 2018: “Giornata mondiale della Poesia” – riflessioni di Claudio TORTORA

 

GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA

Che bello aver pensato ad un giorno dedicato tutto alla poesia. Le poesie sono le sole cose che ci restano in questo tempo, per nutrire l’anima usandole anche come un panino in tram.
Che hanno la capacità di sorprenderti, facendoti riflettere.. anche su quanto possa provocare una qualsiasi cosa che smuove l’emozione .
Ed allora condivido, tutto, con quelli che facendo vibrare le corde dell’anima , formano l’orchestra dei poeti ,che stanno bene qui
Che tutti i poeti stanno bene qui,fuori dai rumori, rinchiusi in quel guscio di mondo , che non si cura di alcun richiamo materiale,per non farsi contaminare da quella realtà che nulla ha a che fare con la musica del sentire.
Questa è per me l’essenza del pensiero poetico
La poesia è e resterà una luce nel buio dell’aridità , un marchio doc dello spirito,una pietra preziosa ed ahimè anche rara,in questo quotidiano, fatto di cose materiali,sordo, ma non tanto da non poter sentire,questa musica penetrante che tocca con dolcezza il nostro sentire.
La poesia,è merce rara,che non si può acquistare, nè vendere.
Non ci sono euro,dollari,Yen,Sterline, preziosi o quant’altro che bastano.
Splende di luce propria ed è inimitabile,a prova anche dei più grandi contraffattori cinesi.
Pensiamo a tutto questo nel giorno a lei dedicato e ci sentiremo più sereni ma soprattutto liberi di sognare.
(Claudio Tortora)

, , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *